Italia.it …. la storia infinita

Riparte la saga di Italia.it, adesso sembra che verrà foraggiata di altri 30 milioni di euro, si avete capito bene 30 milioni di euro, che sommati agli altri 70 milioni fanno cifra tonda, fanno 100 dico 100 milioni di euro.
100 milioni di euro per realizzare un sito internet! 100 milioni di euro per realizzare un sito internet che fa pure schifo.
E’ mai possibile che in Italia i soldi vengano sprecati in questo modo, possibile che ci vogliano 100 milioni di euro per creare un sito internet, ma allora mi chiedo, quanto vale tutta internet? se ogni sito, no scusate non ogni sito, solo quelli brutti, costa 100 milioni di euro, quelli belli quanto costano? 500/750 milioni di euro?
Mi sembra una gran presa per il culo, mi sembra che quei 100 milioni di euro si potevano destinare ad altri scopi, credo che la creazione di un sito internet non valga, non possa valere così tanto, mi sembra strano o forsae mi sbaglio io, ma 100 milioni mi sembrano veramente troppi, speriamo almeno che il cetriolo regni sovrano dato che ci è costato un sacco di soldi anche quello, manco lo avesse fatto Raffaello, stiamo a vedere, ma non credo sia finita qui.
Domanda idiota: quanti stipendi di gente che lavora si pagano con 100 milioni di euro?
P.S. se volete comprare il mìo blog, facendo due conti, visto che funziona, è online, non c’è robot Rutelli che vi da il benvenuto (PLIZ VISIT AUAR CAUNTRI) ve lo cedo per 150 milioni di euro e vi pago anche un caffè, accetto anche opa ostili aspettando aumenti nel valore dei siti internet.
Italia.it …. la storia infinitaultima modifica: 2008-02-15T09:25:00+00:00da redcup76
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Italia.it …. la storia infinita

  1. e hai ragione fino allo scorso anno ne avefo uno per lavoro, gestito da una società, visibile in tutte le directory italiane, interattivo con sette pagine servizio mailing, fotografie mappe dettagliate descizioni ecc. ecc. finanche gestione statistiche il tutto per 2500 euri l’anno che ne dici di fare una petizione per la sua chiusura?

Lascia un commento